Resoconto dei miei esami – Terza Prova

La terza prova è il cosiddetto "quizzone". Cioè, è chiamato così solo dal TG, ma tantè.
Tutte le simulazioni (2) che avevamo fatto della terza prova erano state fatte con 5 materie, mentre in tutte le altre classi che consco le facevano 4, ma vabbè, noi eravamo l’indirizzo tecnologico, ovvero il più Strong (fare il tecnologico "è come entrare in miniera ed uscire a vedere la luce dopo 5 lunghi e buii anni") e quindi era giusto così.
Alla terza prova ufficiale ce ne sono capitate solo 4, il che può essere visto come un vantaggio (meno roba da sapere) ma in realtà è una fregatura, perchè le materia "aumentano" di valore e se non ne sai una ti giochi 1/4 della prova invece che 1/5. Certo, però, se ne sai 3 hai fatto 3/4 e non 3/5, ma vabbè, non stiamo qui a disquisire…

Per la terza prova non avevo studiato un cazzo. Ora, capiamoci, non che per le altre due avessi studiato, ma per la terza proprio zero.
Venivo da un week-end in cui Sabato era il mio compleanno (e si sa che il giorno del proprio comleanno non si studia) e Domenica era Domenica (e Domenica non si studia).
In compenso di Domenica si possono preparare i bigliettini, e io così ho fatto.

Le materie che ci sarebbero state in terza prova bene o male si sapevano, perchè informatica c’è sempre, così come inglese e fisica(che però sto giro non c’è stata), poi una a scelta fra storia e filosofia e una tra chimica, scienze e biologia.
Sono uscite informatica, inglese, filosofia e scienze della terra.
Informatica non l’ho mai studiata, anche perchè era palesemente dimostrato che il nostro prof non leggeva i compiti e dava i voti un pò a random. Roba che se copiavo pari pari un programma dal bigliettino prendevo 5, mentre se mi inventavo tutte le cose di teoria (come il protcollo TCP/IP, sai bretek? io non ne so un cazzo di sta roba…) scrivendo cose assurde e palesemente inventate prendevo 7.
Vabbè, svolgo il compito come al solito, inventanto e copiando dal bigliettino quando serve.
Passo a Filosofia e mi stupisco vedendo che ne so a pacchi. O meglio, vedo che una risposta la so, una ce l’ho su un bigliettino che tengo nell’astuccio dal primo compito di filosofia dell’anno e che finalmente ora mi ritorna utile e la terza la chiedo in giro.
Inglese è un brano di 1984 in cui sbaglio la prima domanda e la seconda forse la imbrocco, ma in ogni caso scrivo tutto da cani, quindi non so…
Scienze è un dramma. Di tutte le materie scienze della terra era quella in cui andavo meglio, ma sto giro il compito è assurdo (commissario esterno, eh).
Una domanda chiede di parlare della sezione longitudinale dei fiumi e dei ghiacciai e di descriverne le differenze. Mai fatto.
Una chiede di parlare del moto ondoso e la so.
Per l’ultima domanda c’è una cartina dell’Europa con un pò di isobare e di fronti e chiede che tempo c’è in alcuni posti. Io ovviamente confondo fronti caldi con fronti freddi e quindi faccio su un macello, ma vabbè. Comunque sia a me un triangolo dà l’idea di caldo e un semicerchio dà l’idea di freddo, e non il contrario.

Nella correzione (avvenuta al termine del colloquio orale) ho appreso i risultati parziali:
Informatica: 10/15
Inglese: 10/15
Filosofia: 11/15 (credo) (mi aspettavo molto di più, ma il profe ha detto che le mie risposte erano "banali", potevo scrivere di più e che erano molto scolastiche (e noi dove siamo? A scuola!?!))
Scienze: 6/15 (non mi sembrava così malaccio) (Ed è la mia materia preferita ed avevo la media dell’8… Una prova che rispecchia proprio la mia media…)

Media Totale: 9/15

16. luglio 2009 by vanooger
Categories: diario di bordo | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com