Il problema della pizza

Mangiare una pizza a Venezia è un problema.
 
Se sei in giro e ti viene fame, un paio di tranci di pizza sono un’ottima soluzione per farsela passare: sono buoni, costano poco e ti saziano.
A Venezia però la situazione non è così semplice.
Un trancio di pizza costa circa 2 € (in stazione viene 2,50 la margherita e 2,90 la farcita, ma in giro si trova anche la margherita a 1,50 € al pezzo) e quindi due tranci arrivano a 4 €, e assieme ad una bibita si arriva a quota 6 €.
Ora, 6 € non sono neanche troppi per un pranzo a Venezia, ma c’è un però.
A Venezia infatti c’è una pizzeria che per ogni pizza da asporto ti regala una bibita.
E una pizza costa 5€ (4,70 la margherita, da 5,70 in su le farcite), quindi con soli 5€ euro ti porti a casa una pizza INTERA e una bibita.
Il problema è che spesso la fame non è sufficiente a mangiare una pizza intera (questo è vero solo a livello teroico, in realtà è sempre possibile finire una pizza) e buttarne via metà è seccante.
Che fare dunque?
Spendere di più per avere meno cibo (ma finendolo tutto)?
O spendere di meno e buttare via mezza pizza?

Alla fine il dubbio è talmente forte che di solito non mangio.

02. ottobre 2009 by vanooger
Categories: diario di bordo | 3 comments

Comments (3)

  1. ovviamente spendi meno e la mangi tutta comunque. sempre. ché l’appetito vien mangiando.

  2. Mangi la pizza, idiota. :-)

    Michele

  3. Ciò che intendo dire è che l’utilità marginale della seconda metà di pizza è praticamente zero…

    Poi in realtà non è così… è un post a livello teorico… (io la pizza la finisco sempre…)

Leave a Reply

Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com