Il Serpente

Ovvero: tutto questo non sarebbe accaduto se non avessi avuto l’insana idea di lavare le lenzuola

20131007_091719
Prologo: quando mi sono trasferito in questa casa la mamma mi ha chiesto “Ma come fai con le lenzuola? Non te le sei portate, no?” e io le ho detto “Bè, qui nell’armadio ne ho trovate un paio che sembravano abbastanza pulite, quindi per il momento uso queste…”.

Ecco, ieri era domenica, e siccome cominciavo a lavorare alle 17 ho deciso di fare un po’ di pulizie e per cui, tra le altre cose, di lavare le lenzuola.
Allora appunto, ho fatto la lavatrice e una volta tornato a casa dal lavoro, tipo verso mezzanotte, mi sono messo a rifare il letto.
E niente, in pratica ho spostato il letto per sistemare bene le lenzuola sotto il materasso e BAM! Un serpente!

Siccome non sapevo bene che fare ho aspettato che il mio coinquilino Sean (coinquilino che suona il basso e somiglia a Pippo dei C+C (anch’egli suonatore di basso!)).
Il mio coinquilino Sean è australiano, quindi pensavo ne sapesse più di me. E invece…
La conversazione è stata circa:
Io: “Sean, puoi aiutarmi: c’è un serpente sotto il mio letto…”
S: “Un cosa?”
Io: “Un serpente!”
S: “No!”
Io: “Sì!”
S: “Mi prendi in giro!”
Io: “Vieni a vedere!”
S: “Oh cazzo, c’è un serpente sotto il tuo letto!”

E siccome nemmeno Sean sapeva cosa fare io ho preso il mio sacco a pelo e sono andato a dormire in un’altra stanza (forse non l’ho detto, ma questa casa è ENORME).
Prima di andarmene a letto ho mandato una mail alla padrona di casa spiegandole la situazione.

Stamattina Meg (la padrona di casa) si è presentata qui per aiutarmi a cacciare il serpente.
Siamo dunque andati in camera mia, ho spostato il letto e… il serpente non c’era più!
Fortunatamente avevo fatto una foto (di merda, perché ho prima dovuto caricare il cellulare e mentre lo facevo il serpente si era spostato di nuovo sotto il letto) e potevo provare che il mio non era stato un delirio insensato.
Abbiamo spostato tutti i mobili e non l’abbiamo trovato.
Ho tolto i cuscini dal divano, ho guardato in tutti i cassetti e pure dentro la chitarra.
Niente! Sparito!
Abbiamo dunque concluso che il serpente doveva essersene andato (Meg mi ha mostrato una fessura da cui poteva essere entrato/uscito).
Stavamo per rinunciare definitivamente quando Meg ha guardato in alto e ha visto ciò.

MALEDETTO SERPENTE.

Vabbè, l’abbiamo tirato giù e liberato nel bosco. Fine.

L’Australia non delude le aspettative.

07. ottobre 2013 by vanooger
Categories: Australia, diario di bordo | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com