Piove governo ladro: c’è un fondo di verità?

ATTENZIONE: Ho fatto due settimane di ricerche prima di pubblicare questo post. Malgrado ciò la storia del conteggio degli anni è molto incasinata, quindi non garantisco l’accuratezza dei dati riportati in questo post.


L’altro giorno stavo spalando compost. Anzi no, stavo spalando terra (a breve pubblicherò un’avvincente lista di tutte le cose che ho spalato da quando sono in Tasmania).

Stavo spalando terra, dicevo, e c’era il sole.
Che quando devi passare otto ore a spalare non è proprio il massimo.
Con il mio amico Giovanni stavo pianificando cosa fare il prossimo weekend, e guardando le previsioni ci siamo resi conto che ci aspettava l’ennesimo fine settimana di brutto tempo.
Com’è possibile, mi ha chiesto, che piova sempre nel weekend?

Un’ottima domanda.

La prima cosa da chiedersi è: è possibile che lo svolgersi delle attività nel corso della settimana causi la pioggia nel weekend?
Per esempio, durante i giorni feriali c’è più traffico, e allora magari questo causa, per qualche ragione, che ci siano più piogge il sabato e la domenica. Cose così.
Troppo empirico. Troppo semplice. Io voglio qualcuno da incolpare.

Allora viene da chiedersi: chi ha deciso che un tal giorno sia sabato piuttosto che, che ne so, martedì?
La terra gira (quasi) sempre uguale, e il fatto che un giorno abbia un certo nome è una cosa che abbiamo deciso noi esseri umani. Ma chi?

Credevo che per trovare la risposta bastasse andare indietro di poche centinaia di anni, all’entrata in vigore del calendario gregoriano.
Il calendario gregoriano è entrato in vigore il 15 ottobre del 1582, che però secondo il calendario giuliano (quello in vigore precedentemente) era il 5 ottobre.
Questo perché il calendario giuliano si sfasava di circa un giorno ogni 128 anni rispetto al normale corso delle stagioni, e dalla sua entrata in vigore aveva accumulato 11 giorni di errore.
Pensavo che questi 11 giorni che erano stati salatati all’entrata in vigore del calendario gregoriano avessero determinato lo sfasarsi della settimana rispetto alle piogge del weekend (che secondo la mia teoria si trovavano prima nel mezzo della settimana), ma non è così. Proprio per non perdere nessun giorno della settimana, infatti, nel 1582 si passò direttamente da un Giovedì 4 Ottobre a un Venerdì 15 Ottobre.

La soluzione è allora da cercarsi ancora prima, all’entrata in vigore del calendario giuliano.
Il calendario giuliano è stato promulgato da Giulio Cesare ed è entrato in vigore il 1° gennaio del 45 a.C.. Le informazioni che ho trovato su internet però non ci dicono che giorno della settimana era.
Allora sono andato a calcolarlo.
Ho il piacere di dirvi che tra il primo gennaio del 45 a.C. e il 4 ottobre 1582 (ovvero tutto il periodo in cui il calendario giuliano è stato in vigore) sono passati 594538 giorni.
E credo che anche voi rimarrete sorpresi come me nell’apprendere che 594538 giorni sono esattamente 84934 settimane. Assurdo, no?
Ora, se il 4 ottobre 1582 era un giovedì possiamo dire con un certo margine di sicurezza che il 1° gennaio 45 a.C. era un venerdì.

Più indietro di così non possiamo andare, perché prima di allora era in vigore il calendario romano, che: 1) era un casino (tanto che Giulio Cesare dichiarò il 46 a.C. (ultimo anno prima del calendario giuliano) ultimus annus confusionis(ultimo anno della confusione credo, non ho fatto il classico però)), 2) le settimane erano di 8 giorni, e i giorni erano chiamati con le lettere dell’alfabeto dalla A alla H.

Quindi ecco, siccome il 1° gennaio 45 a.C. è stato un venerdì (e non, per dire, un lunedì) ora piove sempre nel weekend.
Sono lieto di annunciarvi che abbiamo anche un colpevole, ovvero l’astronomo Sosigene di Alessandria. È stato infatti lui a elaborare il calendario giuliano.
Mi piacerebbe pensare che abbia pagato a caro prezzo la sua decisione di iniziare l’anno di venerdì, ma su Wikipedia non è presente la sua data di morte: potrebbe essere ancora vivo!

Per guadagnare più soldi (come Peter Jackson con Lo Hobbit) ho deciso di dividere questo post in due parti. Prossimamente la seconda parte, dal titolo “Sarà per sempre così?”.

 

FONTI
http://xoomer.virgilio.it/esongi/duration.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Calendario_gregoriano
http://www.astronomy.ohio-state.edu/~pogge/Ast161/Unit2/calendar.html
http://xoomer.virgilio.it/esongi/duration.htm

16. aprile 2014 by vanooger
Categories: varie ed eventuali | 1 comment

One Comment

  1. Focus ci spiega che la questione è un po’ più complessa: in realtà è colpa di Dio, che ha fatto la luna in modo tale che abbia un ciclo di 28 giorni, che diviso quattro dà 7, da cui le settimane. Quindi, se Dio avesse creato un satellite di massa differente dalla luna, avremmo settimane più corte, in cui il maltempo, almeno, cambierebbe sempre periodo della settimana.
    Però in qualche modo, penso che la differenza di massa della luna avrebbe un effetto sulla meteorologia della terra…
    Confido in un tuo approfondimento.

    http://www.focus.it/scienza/Perche_i_giorni_della_settimana_sono_sette_C39.aspx

Leave a Reply

Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com